In arrivo i componenti elettronici con auto distruzione

elettronica con autodistruzioneL’elettronica moderna realizza prodotti resistenti economici e in grado di funzionare per anni senza problemi, caratteristiche fondamentali per le ricerche avanzate militari, ma cosa succede se una di queste tecnologie finisce nelle mani del nemico? La Defense Advanced Research Projects Agency (DARPA) sta studiando lo sviluppo di una nuova tecnologia elettronica progettata per autodistruggersi a comando, in modo da evitare che gli ultimi gadget top secret cadano nelle mani sbagliate. L’esercito degli Stati Uniti è ben consapevole dell’importanza di mantenere un vantaggio tecnologico in particolare nel campo dell’elettronica. Purtroppo, questi sensori elettronici, sistemi di comunicazione e altri dispositivi sono minacciati dal loro massiccio utilizzo rendendo i campi di battaglia che sono regolarmente sparsi con loro, fonte di materie prime da essere utilizzate dal nemico per reverse engineering o per lo sviluppo di contromisure. Per evitare che ciò accada, DARPA ha avviato il programma VAPR. Il suo scopo è quello di produrre un’elettronica robusta e in grado di fare il lavoro come elettronica convenzionale, ma con una capacità di auto distruzione che li farà sciogliere a comando come un gelato. Queste tecnologie fanno parte di un campo denominato “elettronica dei transitori” e si basa su un lavoro di auto dissoluzione di protesi biomediche che era già stato effettuato dalla DARPA. L’idea è quella di sviluppare componenti elettronici su materiali che funzionano correttamente, ma quando attivati potranno diventare vulnerabili all’ambiente circostante e dissolversi.

Secondo Alicia Jackson, direttore del programma DARPA. “Siamo alla ricerca di un modo per rendere l’elettronica durevole solo nella misura in cui è necessaria. La distruzione di tali dispositivi può essere attivata da un segnale inviato da un comando a distanza o qualsiasi condizione ambientale, come la temperatura. ”

DARPA invita a presentare proposte per la ricerca di base sui materiali, dispositivi, processi produttivi e relativa integrazione, oltre che alla metodologia di progettazione con l’obiettivo immediato di produrre un sensore ambientale o biomedico che è in grado di comunicare con un utente remoto e sia in grado di auto distruggersi.